Augusto (27 a.C.-14 d.C.), asse, emissione del 10-6 a.C., R/ Altare delle Gallie

Augusto (27 a.C.-14 d.C.), asse, emissione del 10-6 a.C., R/ Altare delle Gallie

120,00

Esaurito

000

MRI21/C13 – Impero Romano, Augusto (27 a.C.-14 d.C.), asse, emissione del 10-6 a.C., D/ CAESAR PONT MAX, testa laureata a destra; R/ Altare delle Gallie, in esergo ROM ET AVG; zecca di Lugdunum; RIC 230; AE; 9,45 gr.; 27 mm; mBB

Bellissimo ritratto di Augusto e bella conservazione per il tipo

Sul rovescio di questa interessante moneta è raffigurato l’Altare delle Gallie, fulcro del più ampio Santuario delle Tre Gallie, fatto erigere da Druso Maggiore nel 12 o 10 a.C.

Sotto Augusto la Gallia fu divisa in quattro province: tre imperiali e una, la Narbonense, da più tempo sotto il controllo romano, senatoriale.

La capitale delle tre province imperiali (Aquitania, Lugdunense e Belgica) era Lugdunum, dove risiedeva il governatore. Druso Maggiore istituì lì il culto di Roma e di Augusto (ROM ET AVG è infatti scritto sulla moneta) e vi fece erigere il Santuario.

Ogni anno, il primo di Agosto il Consiglio delle Gallie, formato da 60 membri delegati dalle varie popolazioni e città galliche, vi si riuniva per discutere argomenti, lamentele o proposte da inviare poi all’attenzione di Augusto.

Anche i sacerdoti del culto di Roma e di Augusto erano scelti tra gli abitanti locali.

Questo sistema risulta attestato fino alla fine del III secolo.

 

Guarda anche le altre monete romane!

 

https://historianumismatica.it/categoria-prodotto/monete-antiche/imperoromano/