Da sempre appassionato di Archeologia, consegue la maturità   classica presso il Liceo Tito Lucrezio Caro di Roma. Successivamente si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università “La Sapienza” di Roma, dove si laurea in Archeologia con il massimo dei voti e lode, sia al termine del percorso triennale che di quello quinquennale. In entrambi i casi ha discusso tesi inerenti alla Numismatica, la prima dal titolo “Le emissioni monetarie delle province galliche da Postumo a Tetrico (259-274 d.C.)” e la seconda dal titolo “La monetazione di Probo (276-282 d.C.); Proculo e Bonoso (280-281 d.C.): usurpatori?”.

È stato per 8 anni collaboratore e consulente presso la “Moruzzi Numismatica” di Roma e con Umberto Moruzzi ha pubblicato nel 2014 un articolo su una rarissima moneta a nome di Proculo. 

È autore di diversi articoli storico-numismatici pubblicati su riviste del settore e sulla testata online Stampa Critica, dove tuttora scrive.

È iscritto come perito in Numismatica e Sfragistica alla Camera di Commercio di Roma al ruolo 2402 e all’Ordine dei Giornalisti del Lazio con tesserino 175057.

Conoscitore delle monetazioni greca, romana, bizantina, medievale e moderna, è soprattutto esperto di monetazione tardo-romana, dal III al V secolo e di quella bizantina compresa tra i secoli VI e IX.